Team Business Intelligence | SAEP Informatica

La Business Intelligence è una risorsa strategica per le aziende che vogliono implementare un approccio data-driven per migliorare le loro performance, ottimizzare i processi e anticipare le esigenze dei clienti. Raccogliere, analizzare e visualizzare i dati in modo efficace può infatti trasformarsi in una potente leva competitiva.

Come si crea un progetto di BI? Per approfondire il tema abbiamo intervistato Matteo Roncoroni e Giacomo Rusconi del Team BI di SAEP Informatica.

Ci hanno raccontato alcuni dei progetti a cui hanno lavorato, illustrandoci gli obiettivi, le metodologie, gli strumenti e i risultati ottenuti. Ci hanno anche confidato quali sono le principali sfide nello sviluppo di progetti di BI, spiegandoci come le affrontano per consegnare un progetto che soddisfi le esigenze dell’utente finale.

Ciao Giacomo, ciao Matteo! Raccontateci il vostro ruolo e di cosa vi occupate nel Team BI di SAEP Informatica.

Giacomo: Sono specializzato in soluzioni gestionali e da 2 anni faccio parte del Team BI. Mi dedico soprattutto alla creazione delle dashboard e al mantenimento dei database da utilizzare, un elemento fondamentale per trasformare i dati grezzi in informazioni strategiche.

Matteo: La mia specializzazione è invece sulla programmazione della parte Finance della Suite di SAEP Informatica. Anch’io da 2 anni faccio parte del team BI e mi occupo principalmente della costruzione dei DB e dei processi di importazione e normalizzazione dei dati.

Quali sono le fasi principali di un processo di BI?

Giacomo: Il processo di BI si compone di diverse fasi, che possono variare a seconda del contesto e delle esigenze del cliente. In generale, si parte dalla definizione degli obiettivi e dei KPI da raggiungere e dalla raccolta dei dati da diverse fonti, come database provenienti dal software ERP, file di diversi tipi, dati provenienti dai sensori IoT, ecc.

Poi si passa alla pulizia dei dati, per renderli omogenei, completi e affidabili. Successivamente, si effettua l’analisi dei dati per ricavare i KPI da monitorare. Infine, attraverso la data-visualization, si costruiscono dashboard, report, grafici e tutto quello che facilita la comprensione dei dati.

Matteo: Aggiungo che il processo di BI spesso non è lineare. Ciò significa che si devono validare e aggiornare continuamente i dati e le analisi, coinvolgendo gli utenti finali e ricevendo il loro feedback. Allo stesso modo, anche le dashboard evolvono man mano che le esigenze del cliente cambiano.

Ciò che poi fa la differenza, forse il vero segreto di un progetto di successo, è il cosiddetto Business Understanding: capire come funziona il business del cliente e definire quali obiettivi può raggiungere attraverso un progetto di BI.

Quali sono le tecnologie che usate più spesso per sviluppare e implementare soluzioni di BI?

Giacomo: Utilizziamo una base tecnologica rodata e molto solida per tutti i progetti, principalmente in ambito Microsoft. Per darti qualche dettaglio più preciso, uso SQL Server come database relazionale integrato con Microsoft Power BI, che è invece lo strumento per creare dashboard e report interattivi. Utilizzo poi il linguaggio DAX per creare formule e KPI da inserire all’interno della dashboard.

Matteo: Uso gli stessi strumenti e tecnologie di Giacomo, a volte integrati con altri più specifici rispetto alla complessità dei dati richiesti dai diversi progetti che affrontiamo. Ad esempio, SQL Server Integration Services (SSIS) per l’importazione e la modellazione dei dati e SQL Server Management Studio per la gestione del database.

Team Business Intelligence 2 SAEP Informatica

Come si misura l’impatto positivo di una soluzione BI sul cliente?

Matteo: Per misurare il valore delle soluzioni di BI che creiamo, uso principalmente due criteri: la qualità e la rilevanza. La qualità si riferisce alla correttezza, completezza e affidabilità dei dati e delle analisi, che devono essere verificati e validati con metodi rigorosi. La rilevanza si riferisce invece all’utilità, cioè a quanto i risultati ottenuti sono allineati con agli obiettivi e le esigenze di business del cliente. Bisogna sempre domandarsi, e verificare, se l’utente finale utilizza effettivamente la BI che ha a disposizione.

Giacomo: A questo proposito, c’è un terzo criterio molto importante: la novità. Con questo concetto intendo la capacità delle dashboard di generare insight inediti, originali e innovativi, che possano aprire nuove opportunità di business o risolvere problemi irrisolti. Mi piace pensare che per i nostri clienti siamo uno stimolo a ottenere di più dai loro dati.

Oltre alla competenza tecnica, quali altre competenze aiutano un programmatore di BI?

Giacomo: Ci sono diverse competenze trasversali che ritengo fondamentali per un programmatore di BI: la curiosità, per esplorare i dati e cercare nuovi modi di analizzarli; la creatività, per ideare soluzioni efficaci; la comunicazione, per trasmettere i risultati e gli obiettivi in modo chiaro; la collaborazione, per lavorare in team e condividere le conoscenze; la flessibilità, per adattarsi ai cambiamenti e alle sfide.

Matteo: Sono d’accordo con Giacomo. Aggiungo la capacità di ascoltare le esigenze del cliente. Occorre poi metterci passione, per essere motivati e appassionati del proprio lavoro, e visione, per avere una prospettiva strategica su come migliorare il lavoro dell’utente finale e l’operatività organizzativa del cliente.

E, naturalmente, il problem solving. La BI un’attività ritagliata sulle esigenze del cliente e spesso serve quel qualcosa in più per trovare la soluzione più appropriata.

Team Business Intelligence 3 SAEP Informatica

Ci raccontate un aneddoto su come avete risolto una richiesta complessa da parte di un cliente?

Giacomo: Mi viene in mente il caso di una grande realtà internazionale distributiva, nostro cliente per la suite ERP. Si tratta di un’azienda dalla struttura molto complessa e ramificata sul territorio, con diverse filiali in Italia e nel mondo.

La loro esigenza era gestire una notevole mole di dati di fatturato per comprendere meglio l’andamento del business. Un progetto molto sfidante, che grazie alla BI ha permesso al cliente di poter interrogare facilmente i dati a disposizione e formulare previsioni accurate.

La soluzione è piaciuta così tanto che il cliente ha poi chiesto un secondo progetto di BI per gestire i dati generati dalla logistica distributiva.

Matteo: Prima parlavo di ascolto e ho un esempio concreto a riguardo. Un nostro cliente, una grande azienda italiana che produce macchinari industriali, raccoglieva i dati provenienti dall’assistenza tecnica attraverso file Excel.

Man mano che i dati sono cresciuti nel tempo, si è reso necessario trovare uno strumento che facilitasse le analisi da parte di diversi utenti. Il progetto ha quindi coinvolto diversi ruoli e funzioni aziendali per definire le diverse esigenze di visualizzazione e interazione con i dati.

Facendo sedere tutti allo stesso tavolo, siamo riusciti a creare un unico strumento di BI capace di rispondere a diverse esigenze contemporaneamente. Ascoltare, e rispondere, alle diverse necessità ha permesso a tutti gli utenti di sfruttare per il proprio lavoro dashboard efficaci, con un significativo miglioramento dei tempi e dell’accuratezza delle analisi.

Grazie mille per l'intervista!


Articoli correlati

aperitivo-dialogo.jpg
In Italia l’aperitivo è una tradizione antica ed estremamente radicata nella nostra cultura: nato come rito di introduzione alla cena, …
paola-caspani-_saep.jpg
In SAEP da oltre 40 anni assistiamo le piccole e medie imprese italiane nella sfida dell’innovazione digitale, mettendo il nostro …
metodologia.jpg
Per SAEP lo sviluppo dei nostri prodotti e servizi è sempre stato focalizzato intorno alle reali necessità delle piccole, medie …
saep_azienda.jpg
Una crisi inaspettataDopo ben due mesi di lockdown dovuti al Coronavirus prima in Lombardia e poi in tutt’Italia, dal 4 …
formazione_SAEP.png
In SAEP prendiamo molto seriamente la preparazione dei nostri collaboratori: siamo convinti che le persone rivestono un ruolo centrale nelle …
formazione.jpeg
Il mercato del lavoro muta continuamente, in maniera sempre più repentina: i progressi tecnologici richiedono figure professionali sempre nuove, dotate …
044_Como_J2A7862_HR.original.jpg
Abbiamo colto l'occasione per intervistare Silvia Ostinelli, consulente e team leader del gruppo di sviluppo C8, sui temi della formazione …
Laura_Rusconi_SAEP.jpeg
In SAEP conosciamo in prima persona le difficoltà che intercorrono tra il mondo della scuola e quello del lavoro.Se da …
307_Como_J2A8439_HR.jpeg
Ciao Andrea, buongiorno. Siamo soliti cominciare le interviste con qualche domanda personale: chi sei e qual è la tua storia …
venditore-foto.jpeg
Nei mercati contemporanei, caratterizzati da evoluzioni sempre più frequenti dei contesti, delle tecnologie e dei mezzi di comunicazione, anche il …
DSC00175.jpg
L’aumento della complessità dei mercati, causata da una sempre crescente velocità di comunicazione e connessione a livello globale, ha effetti …
assembling-cars-conveyor-line-car-plant_199107-652.jpeg
L’ambiente aziendale è per sua natura un contesto in costante mutamento. Anche prima dell’avvento di Internet, che ha accelerato in …
Business Intelligence vantaggi SAEP Informatica
I dati, le informazioni e il know how aziendale sono un fattore abilitante del successo di un'impresa. La raccolta e …
Data visualization vantaggi SAEP Informatica
La digital trasformation, per essere efficace, deve partire da una gestione avanzata e smart dalla mole di dati prodotti dalla …
Contattaci