business-intelligence.jpeg

Tra gli strumenti più richiesti dalle imprese per far fronte alle sfide imposte dalla contemporaneità, le piattaforme di Business Intelligence rappresentano uno dei più ricercati: questo perché permettono un maggior controllo e analisi sui dati a disposizione dell'impresa, offrendo importanti insights sull'operatività. Ne parliamo oggi sul Magazine di SAEP Informatica.

Oggi, grazie a Internet, le informazioni, i dati e il know how aziendale sono elementi abilitanti in grado di decretare il successo di un’impresa.

E’ bene sottolineare però, come la raccolta e l’organizzazione di informazioni da sole non bastino: per far sì che i dati possano fornire all’impresa un margine competitivo, essi devono venire trasformati, contestualizzati e analizzati; in questo modo, i dati diventano conoscenza, offrendo al management importanti insights per orientare la strategia aziendale e il decision making.

Queste grandi moli di dati, comunemente detti Big Data, se correttamente impiegati e supportati da una cultura aziendale basata sull’analisi e sulla pianificazione strategica, possono rappresentare una leva fondamentale per rispondere al sempre crescente bisogno delle imprese di informazioni e conoscenza.

Di conseguenza, per mantenere costantemente il proprio vantaggio sui competitor si rendono necessarie nuove tecnologie in grado di identificare con precisione tendenze e opportunità di mercato: strumenti in grado di raccogliere, analizzare e raffigurare graficamente i dati in modo da accelerare i processi decisionali; questi strumenti sono detti di Business Intelligence (BI) e sono sempre più ricercati dalle imprese, in quanto rappresentano un supporto impareggiabile per la direzione strategica.

Ma in che modo la creazione di questa conoscenza si trasforma in vantaggio competitivo per l’impresa? 

Prima di addentrarci a comprendere i vantaggi di una corretta gestione dei dati dobbiamo fare un passo indietro, spiegando cos’è la BI e quali sono i suoi obiettivi.

Cos’è la Business Intelligence

Il concetto di Business Intelligence è nato negli anni Sessanta come metodo di condivisione delle informazioni.

La prima definizione di BI è stata proposta nel 1958 da Hans Peter Luhn, analista IBM, per descrivere gli strumenti in grado di soddisfare le esigenze dei manager aziendali. In un’accezione più moderna e funzionale possiamo dire che la Business Intelligence è un sistema che rende possibile raccogliere, raggruppare, organizzare ed elaborare il patrimonio dei dati di un’azienda.

In altre parole è l’insieme di strumenti software che forniscono un supporto alle decisioni aziendali tramite la trasformazione dei dati in informazioni. Negli ultimi anni, la Business Intelligence si è evoluta includendo più processi e attività per consentire il miglioramento delle prestazioni. Tra questi vale la pena segnalare:

  • analisi e navigazione dei dati di sintesi e dettaglio;
  • data mining;
  • elaborazione di reportistica;
  • metriche e benchmarking delle prestazioni;
  • analisi statistica;
  • analisi descrittiva.

A cosa serve la Business Intelligence

Attraverso l’elaborazione, l’analisi e l’aggregazione dei dati la Business Intelligence li trasforma in informazioni. Il suo scopo è quello di aiutare il management aziendale utilizzando la storicità dei dati per:

  • comprendere e prevedere eventuali scenari futuri;
  • supportare le decisioni strategiche, tattiche e operative per migliorare il decision making;
  • migliorare l’efficacia del business plan;
  • ottimizzare i processi amministrativi, produttivi e logistici;
  • aumentare le vendite, migliorando i prodotti o i margini e incrementando i clienti.

I vantaggi di una gestione consapevole dei dati aziendali

I dati rappresentano una risorsa e capitale aziendale, in quanto forniscono un concreto supporto alle decisioni, migliorando la produttività e le performance aziendali.

Gestire i dati in modo efficiente porta ad una serie di vantaggi per le aziende come ad esempio:

-identificare e anticipare i rischi; 
- definire obiettivi e priorità;
- ridurre i tempi e le risorse connesse alla correzioni di errori;
- aumentare la trasparenza dei processi aziendali;
- migliorare la collaborazioni tra le risorse interne ed esterne dell’azienda;
- automatizzare e semplificare le attività di ricerca delle informazioni e produzione di reportistica.

Per migliorare i propri risultati, le aziende necessitano di costruire un sistema di monitoraggio delle performance attraverso un’analisi funzionale del dato.

Come la Business Intelligence trasforma i dati in un vantaggio competitivo?

Un sistema di Business Intelligence ben strutturato offre molteplici vantaggi per l’azienda che lo impiega.
Fra tutti però, il vantaggio più importante è quello di fornire all’impresa flussi costanti di informazioni utili sul mercato, sul settore, sulla percezione del prodotto da parte dei clienti. Queste informazioni, correttamente analizzate e interpretate, offrono all’impresa l’opportunità, ad esempio, di incrementare i ricavi, ridurre i costi di gestione, di suggerire la necessità di strutturare una nuova area strategica (ASA) e molto altro ancora.

E’ bene sottolineare come il disporre delle informazioni in sé non è sufficiente: senza profili adeguatamente preparati e competenti nell’analisi dei dati, il patrimonio di informazioni aziendali messo a disposizione dalla Business Intelligence non porterebbe nessun beneficio, né in termini di una maggiore comprensione del mercato e dei consumatori e nemmeno potrebbe produrre benefici lato supporto alla strategia aziendale.

Come anticipato in precedenza, la Business Intelligence facilita la classificazionel’analisi, la navigazione dei dati e la realizzazione della reportistica.
La maggior parte delle aziende spesso archivia i dati su piattaforme diverse, come ad esempio fogli Excel disaggregati fra loro e, di conseguenza, sia il l’accesso che il controllo  sono parziali, frammentati e inefficaci. 

Mediante una lettura immediata e mirata dei dati da parte di analisti e decision makers, è possibile effettuare scelte più oculate, ottenere preziosi indicazioni sui trend, migliorare la profittabilità di prodotti e servizi e impostare strategie sostenibili per la crescita: la Business intelligence quindi abilita grazie alle informazioni queste possibilità, ma senza personale qualificato tutti questi vantaggi saranno vani.

Un sistema di BI inoltre consente di svolgere precise analisi sullo stato del Business, permettendo di lavorare su dati consolidati e allineati tra tutti i sistemi presenti in azienda, a partire dall’ERP passando per l’MRP, il CRM e l’HR. Dai risultati dei report è possibile poi ricavare informazioni che offrano una visione completa dell’andamento dell’attività e dei trend di crescita o decrescita dei reparti, prodotti e risorse.

In definitiva, la Business Intelligence permette di prendere decisioni validate e supportate dai dati, fornisce una visibilità globale e permette di impostare strategie di crescita del business sui dati raccolti.


Articoli correlati

erp-storia-ed-evoluzione.jpg
I sistemi ERP (“Enterprise Resource Planning”) costituiscono attualmente parte integrante del panorama aziendale, in quanto aiutano le imprese a semplificare …
schedule-planning-startup.jpg
Molti addetti ai lavori descriverebbero l'ERP tradizionale come un software orientato alla produzione: storicamente, è stato creato per semplificare specifici …
configuratore-prodotto.png
“Ho un prodotto complesso, con molte varianti e il mio reparto commerciale ci mette molto tempo per redigere un’offerta.Oltre tutto …
app_mobile.jpg
La gestione del magazzino è un aspetto molto importante per diversi settori produttivi: sebbene in teoria possa sembrare una questione …
produzione_su_commessa.jpg
Che i mercati siano in costante mutamento, non è una novità. Essi infatti rispecchiano usi, costumi e tendenze dei consumatori: …
chuttersnap.jpg
Che cos’è la logistica? Origini e storiaCon il termine Logistica ci si riferisce alla pianificazione, esecuzione e controllo dei prodotti …
incentivi-industria-40.jpeg
Il Piano Transizione 4.0 è l’iniziativa del MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) per incentivare l’innovazione e l’adozione di percorsi digitali …
wms-software.jpeg
Ogni direttore della logistica sa bene quanto sia importante assicurare il funzionamento dei propri depositi, ottimizzando i processi interni per …
duilio-federico-cloud-hosting.jpeg
Negli ultimi anni sono sempre più le aziende che decidono di adottare nuove soluzioni tecnologiche per rimanere competitive sul mercato …
business-process-management.jpeg
Oggi più che mai, per le aziende è essenziale monitorare ed efficientare costantemente i processi operativi. In un contesto digitale …